La vita bisogna metterla
in gioco per i grandi ideali

Papa Francesco

14 gennaio 2014 - News

Mauro: caso Marò, a Washington, da Hagel grande attenzione su questione.

Listener2

Washington, (Adnkronos) – “La questione  (dei fucilieri di Marina ndr) non puo’ avere confini”. Lo ha detto il Ministro della Difesa Mario Mauro incontrando la stampa italiana nel suo primo giorno di visita a Washington. Il caso delicato di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, trattenuti in India e a rischio di pena di morte, “è stata portata all’ attenzione dell’ alleato americano al quale abbiamo espresso la nostra grande preoccupazione”, ha affermato il Ministro. Al Pentagono dal suo interlocutore, il segretario della Difesa Usa Chuk Hagel, la questione, ha detto Mauro, ha ricevuto grande attenzione. “Il nostro impegno di questi giorni per trovare una soluzione alla vicenda non puo’ trovare confini”, ha ribadito Mauro in conferenza stampa, affermando che al Pentagono “e’ stato ribadito l’ impegno assoluto del governo su questo fronte”. “Gli Stati Uniti -ha proseguito Mauro- sono sempre stati al nostro fianco in questa vicenda anche a livello dei piu’ stretti collaboratori del presidente Obama che sono intervenuti piu’ volte presso le autorita’ indiane ribadendo la necessita’ di rispettare la giustizia internazionale”. Ancora, il titolare della Difesa si è detto “certo che questa attivita’ di pressione concertata e ragionevole possa portare a un buon esito della causa” di Massimiliano e Salvatore. Questi ultimi, ha ribadito, “devono sapere che il governo e’ loro vicino e lo sara’ fino in fondo”.Il Ministro della Difesa ha rilanciato quindi l’ appello all’ unita’ della Nazione delle forze politiche e dell’ opinione pubblica lanciato recentemente da Palazzo Chigi sottolineando come “il giuramento prestato dai nostri fucilieri dovrebbe diventare il motto di una Nazione” unita e determinata a partire da tutte le sue forze politiche a riportarli a casa. In merito ad eventuali sviluppi che sono attesi in queste ore Mauro ha risposto che “ad oggi  (da parte indiana) non abbiamo in mano che articoli di stampa e rispetto a quelle speculazioni ci siano riservati di prendere, come ha affermato Palazzo Chigi, tutte le iniziative del caso”. Alla domanda sull’ iniziativa forte che intende prendere il Movimento 5 stelle “credo che tutte le forze politiche italiane responsabilmente -ha risposto- sapranno dosare le loro iniziative in modo da non compromettere l’ esito della vicenda. Io stesso chiedo che parlamento e istituzioni si adoperino per far sentire tutto il peso sulla stessa mattonella nell’ interesse esclusivo di Latorre e Girone. Dobbiamo mostrarci forti, determinati e uniti”, ha concluso.