La vita bisogna metterla
in gioco per i grandi ideali

Papa Francesco

8 novembre 2013 - Politica europea

Mauro: a Europa non chiediamo soldi ma politiche comuni

eed490c9a2_2642426_med

(ASCA) – Roma – Sul difficile tema dell’ immigrazione e, in particolare, degli sbarchi e dell’ accoglienza in Italia di quanti giungono dall’ Africa, il governo ” non chiede all’ Europa solo soldi ma, in primo luogo, una politica comune che contrasti i conflitti in Nord Africa che alimentano le partenze e i traffici di esseri umani. Questo perche’ il primo impegno deve essere quello di stabilizzare la situazione politica di quei paesi e ricostruire elementi di pace”. Lo ha affermato il ministro della Difesa Mario Mauro parlando nel corso della trasmissione ” Tele Camere” che andra’ in onda, su Rai3, domenica prossima.

Mauro e’ tornato a ricordare il forte impegno del nostro governo dopo la strage di Lampedusa con la missione ‘ Mare Nostrum’ che ha consentito in pochi giorni di salvare dal mare 1.800 persone. Per quanto riguarda, invece, la accoglienza dei rifugiati e dei profughi, il ministro ha sottolineato come la politica europea sia ancora ” discorde” con la linea prevalente di far assumere l’ onere dell’ accoglienza ai Paesi di arrivo dei migranti. ” Proprio Lampedusa – ha aggiunto Mauro – ha dimostrato che queste zone del nostro Paese costituiscono le frontiere esterne dell’ Europa. Vogliamo far capire che dopo 25 anni il mondo e’ cambiato”.