La vita bisogna metterla
in gioco per i grandi ideali

Papa Francesco

12 novembre 2013 - Politica estera

Mauro: Nassiriya, non dimenticare sacrificio di chi è caduto per la pace

9ff3cfc1-b969-440d-ba06-eedfda7b8b3a23Medium

ROMA  (ITALPRESS) – “Non dobbiamo confondere la durezza della guerra con le missioni di pace che sono in piedi nel mondo. La guerra è la risoluzione violenta di ogni controversia, le operazioni di pace hanno lo scopo opposto:  la presenza di uomini armati non per incutere paura alle popolazioni, né per portare la morte, il terrore, la povertà, ma favorendo le condizioni della pace, far sì che in quei Paesi riparta lo sviluppo, si inneschi la ripresa”. Lo ha detto Mario Mauro, Ministro della Difesa, intervenendo a “Prima di tutto”, Radio 1, nel decimo anniversario della strage di Nassiriya.

“Sono operazioni di una complessità estrema, non possiamo determinare in anticipo quanto durerà un conflitto, non possiamo sapere quado troveremo il filo della speranza per far ripartire il dialogo tra le persone. Queste operazioni sono possibili solo grazie all’ umiltà e alla dedizione di donne e uomini, come quelli che sono morti a Nassiriya, che rendono possibili queste esperienze – ha proseguito -. Ricordiamo che la giornata di oggi è dedicata a tutte le vittime cadute in operazioni di pace, e abbiamo istituito la medaglia della riconoscenza per non dimenticare i caduti ma anche per comprendere fino in fondo le ragioni e gli scopi di chi si è sacrificato”.