La vita bisogna metterla
in gioco per i grandi ideali

Papa Francesco

28 novembre 2013 - News

Mauro riceve il Ministro della Difesa Libico Al-Thinni

6e89b254-5fa6-4a13-8bff-a4b87d390d1806Medium

Roma, 28 nov.  (Adnkronos) – Il Ministro della Difesa Mario Mauro ha ricevuto oggi, a Palazzo Baracchini, il Ministro della Difesa della Libia Abdullah Al-Thinni. Al centro dei colloqui, informa una nota, ” la firma di due accordi che consentiranno di rafforzare la cooperazione bilaterale tra Italia e Libia nell’ ambito del controllo delle frontiere, al fine di fronteggiare e ridurre l’ emergenza immigrazione. Riferendosi alle recenti tragedie nel Mediterraneo, il Ministro Mario Mauro ha espresso infatti la preoccupazione del Paese per la perdita di vite umane e per l’ impatto destabilizzante causato dai flussi di immigrazione che attraversano la Libia e i suoi confini”.

” Confini sicuri e stabili – ha detto il Ministro della Difesa – sono indispensabili per una corretta gestione dei flussi migratori e per proteggere i diritti fondamentali degli stessi migranti”. In particolare, il primo accordo siglato da Mauro e Al-Thinni prevede il supporto delle autorità libiche per le attività di controllo del confine Sud del Paese. I due Ministri hanno sottoscritto inoltre un accordo relativo alla formazione di personale libico: ” un’ attività che migliorando la sicurezza comune contribuirà alla pace e alla stabilità internazionale”.

” Nell’ ottica di uno sviluppo delle capacità nel settore della sorveglianza e della sicurezza marittima, nel corso del colloquio è emersa la possibilità di imbarcare ufficiali libici a bordo delle unità navali italiane impegnate nell’ Operazione ‘ Mare Nostrum’, nonché di avviare corsi di addestramento sull’ impiego del V-RMTC  (Virtual Maritime Traffic Centre). Altro tema trattato durante la bilaterale, la Missione militare Italiana in Libia  (Mil). Mauro ha ringraziato il suo omologo per il supporto garantito alla Missione, auspicando la firma di un Status of Forces Agreement  (Sofa) che assicuri la necessaria tutela giuridica al personale italiano impiegato sul territorio libico.