La vita bisogna metterla
in gioco per i grandi ideali

Papa Francesco

17 ottobre 2013 - Politica estera

Mauro:rafforzare autorità Libia per incidere su crisi umanitaria

camera dep

Roma, 17 ott.  (TMNews) – La “grave instabilità interna” della Libia è il primo fattore alla base dell’ attuale crisi umanitaria e per incidere alla sua radice è necessario “un rafforzamento delle autorità centrali” di Tripoli. Lo ha detto il ministro della Difesa, Mario Mauro, alle Commissioni riunite Esteri e Difesa durante l’ audizione congiunta con la collega Emma Bonino.

“Il primo dei fattori alla base dell’ attuale crisi umanitaria è la grave instabilità interna della Libia”, ha detto Mauro, “L’ estrema debolezza delle autorità centrali libiche lascia ampio spazio all’ azione delle milizie e dei gruppi criminali, che traggono profitto anche dal traffico degli esseri umani. Una delle vie per incidere alla radice sulla crisi attuale, era ed è quella del rafforzamento delle autorità centrali libiche, in particolare per ciò che riguarda la capacità di controllare il territorio e di far rispettare le leggi”.

A tale scopo, ha ricordato il ministro della Difesa, “il premier Zidan aveva fatto appello lo scorso giugno ai Paesi del G8 affinchè assumessero la responsabilità di addestrare alcune migliaia di reclute, in gran parte provenienti dalle fila degli ex rivoluzionari, al fine di formare in tempi brevi delle forze statali credibili e ben preparate, in grado di garantire la sicurezza nel Paese”.

A tale appello, ha aggiunto Mauro, “l’ Italia, come altri Paesi, ha dato immediata risposta”.