La vita bisogna metterla
in gioco per i grandi ideali

Papa Francesco

11 aprile 2013 - Politica nazionale

DEF, Capigruppo SC: “Documento sia sprone per fare Governo”

(ANSA) – Roma – ‘Dopo quaranta e piu’ giorni di schermaglie post elettorali e di gioco al nascondino tra le principali forze politiche, il Documento di Finanza approvato oggi dal Governo e trasmesso al Parlamento costituisce un forte richiamo alla dura realta’ che ogni giorno vivono le famiglie e le imprese italiane. Speriamo che anche questo spinga verso la responsabilita’ e dunque verso un governo che realizzi cio’ che serve al Paese: trasformare in crescita e lavoro i duri sacrifici fatti dagli italiani per evitare il baratro dal novembre 2011 in poi’. Lo affermano in una nota congiunta Lorenzo Dellai e Mario Mauro, rispettivamente capigruppo alla Camera e al Senato di Scelta Civica.

‘Il Documento indica una rotta precisa: perseguire la crescita e il lavoro valorizzando l’apertura europea e i talenti della comunita’ italiana. Per questo servono la serieta’ e l’autorevolezza della politica e delle istituzioni, senza le quali non puo’ ricrescere la fiducia nel futuro da parte dei cittadini e delle imprese. Serieta’ e autorevolezza che il Governo Monti, soprattutto nella prima fase della sua esperienza, ha saputo dimostrare in Italia ed in Europa, avviando una stagione di riequilibrio della finanza pubblica senza la quale oggi non sarebbe possibile definire concreti obiettivi di rilancio sociale ed economico’.

‘Da qui occorre ripartire – aggiungono Dellai e Mauro – per costruire un grande ‘patto per il lavoro’ fondato su una scommessa collettiva: dimostrare che l’Italia e’ in grado di reagire, di produrre valore, di superare i rischi drammatici di questa fase storica. La crescita, infatti, puo’ essere solo il frutto di una coerente e determinata volonta’ messa in campo da tutti gli attori pubblici, privati e comunitari’.

‘I nostri Gruppi Parlamentari – concludono i due capigruppo di Scelta Civica – si impegneranno al massimo per dare il proprio contributo al dibattito in Parlamento e per proporre, sulla base di questa linea generale, adeguate e coerenti iniziative legislative e amministrative’.