La vita bisogna metterla
in gioco per i grandi ideali

Papa Francesco

10 novembre 2009 - Rassegna stampa

COLORINA In tanti al primo incontro, seguiranno altre tre giornate; A scuola di politica con il circolo «Pidielleinsieme»

SONDRIO HA RISCOSSO SUCCESSO il primo incontro della Scuola di formazione politica organizzata dal circolo «Pidielleinsieme». La giornata di studio si è svolta a Colorina, presso il centro congressi Villa dei tigli, e il filo conduttore è stato il tema «Sussidiarietà ed efficienza nello stato moderno». Ha condotto i lavori il consigliere regionale Giovanni Bordoni. Nella mattinata di sabato sono intervenuti, oltre a Pierangelo Bonetti, che ha portato i saluti del Pdl, il sindaco di Colorina, Doriano Codega; Danilo Sava, capogruppo Pdl in comune a Sondrio, al quale è toccato il compito di fornire la base teorica del tema proposto e sviluppato nel corso della giornata; Giulio De Capitani, presidente del Consiglio regionale, che ha spiegato come la Regione si sia attrezzata per rappresentare al meglio il principio della sussidiarietà coniugato alla efficienza amministrativa.

L’europarlamentare Mario Mauro ha poi affrontato il delicato tema dei rapporti nell’Unione europea, arricchita recentemente dai nuovi ingressi dei Paesi dell’est. NEL POMERIGGIO, il contributo dei rappresentanti delle istituzioni, dal Comune all’Unione europea, partendo dall’esperienza dei sindaci, per passare a quella delle Province, degli enti intermedi, della Regione, dello Stato e dell’Europa. I partecipanti all’incontro sono stati numerosi ed attenti ed hanno espresso al termine della giornata, che si e’ prolungata fino alle 18, un convinto apprezzamento per l’inziativa e la soddisfazione per la qualità degli interventi e l’impegno a non mancare alle prossime tre giornate previste per il 21 e 28 novembre e 12 dicembre. Particolare soddisfazione è stata per gli organizzatori la presenza di molti giovani, amministratori e non. «L’obiettivo della scuola di formazione – afferma Giovanni Bordoni, presidente del circolo culturale – è fornire ai giovani amministratori, ma anche a chi è semplicemente interessato al mondo della politica, le informazioni necessarie a ben svolgere il compito di amministratore locale. Una funzione importante, che sta assumendo sempre maggiore rilievo in considerazione della scelta della gestione federalista della “cosa pubblica” che è stata intrapresa». «OCCORRE UNA CULTURA amministrativa – aggiunge il direttore della scuola, Danilo Sava – preparazione e formazione per i nostri amministratori, che hanno tanta passione e buona volontà». «Speriamo – conclude Pierangelo Bonetti – che questo sia l’inizio di un fruttuoso percorso».

Il Giorno